L’isolamento delle coperture in legno lamellare

Realizzare un tetto oggi significa rispondere alle esigenze di comfort abitativo, salubrità e benessere, non si parla più di costruire una semplice copertura.

Legno lamellare, perfetto per tetti e coperture
Un esempio di meravigliosa copertura in legno lamellare

L’evoluzione delle tecnologie costruttive e la predilezione nell’utilizzo di materiali ecocompatibili può portare solo a una scelta “ tetto in legno lamellare”.
La copertura è la superficie della casa maggiormente esposta alle intemperie, e quella che richiede una più attenta cura dei dettagli che la compongono, partendo dal suo isolamento fino ad arrivare al design estetico.
Una copertura in legno è leggera, ha un’ottima capacità di isolamento, è composta da materiale naturale e di grande impatto estetico, rappresenta quindi un grande valore aggiunto per la vostra abitazione.


L'isolamento di una copertura in legno lamellare

Il legno vanta di due tipi di isolamento dato proprio dalla nauta chimica e fisica del materiale:
1. Isolamento acustico
2. Isolamento termico

L'isolamento acustico
Le travi in legno grazie all’elasticità ed alla porosità intrinseca del materiale, trasmettono alla struttura minori vibrazioni rispetto a calcestruzzo ed acciaio, riducendo quindi la diffusione delle onde sonore. Questa caratteristica è molto importante per gli edifici, infatti sono state emanate dal Parlamento europeo delle normative per disciplinare questa caratteristica.

La normativa europee che regolarizza l’acustica negli edifici:

- UNI EN 12354 “Acustica in edilizia – Valutazioni delle prestazioni acustiche degli edifici a partire dalle prestazioni dei prodotti”.
Nel primo decreto vengono sviluppati: i requisiti acustici passivi degli edifici. Esso disciplina la certificazione acustica degli edifici: chiunque costruisca o ristrutturi un'intera unità immobiliare dovrà, quindi, rispettare i requisiti acustici passivi della Legge 447/1995. In caso di ristrutturazione, l'intervento dovrà obbligatoriamente portare ad un miglioramento delle prestazioni preesistenti. Inoltre tutti i progetti presentati ai fini della DIA, della SCIA o del permesso edilizio dovranno essere accompagnati dal certificato acustico di progetto: la relazione di progetto acustico non è altro che il documento che attesta il rispetto dei requisiti acustici passivi degli edifici, necessariamente redatto da un tecnico competente in materia. A tutto ciò sarà aggiunto il certificato di conformità ai requisiti acustici passivi degli edifici, che dovrà attestare il rispetto dei requisiti alla conclusione dei lavori.

- UNI TR 11175 “Acustica in edilizia – Guida alle Norme serie UNI EN 12354 per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici. Applicazione alla tipologia costruttiva nazionale” Tra le UNI EN 12354 ed il rapporto Tecnico UNI esistono alcune sostanziali differenze. Le prime si riferiscono a tipologie costruttive tipiche del nord Europa, Il TR invece è stato elaborato considerando le tipologie costruttive del nostro paese e presenta un’ampia banca dati di strutture edilizie nazionali.

L'isolamento termico
Per isolamento termico (o coibentazione termica) si intende tutti i sistemi per ridurre il flusso termico di calore, scambiato tra due ambienti a temperature differenti. L'isolamento termico in edilizia ha lo scopo principale quello di contenere il calore all'interno degli edifici (per la protezione dal caldo estivo si usa il termine "schermatura dal calore").
Il legno ha un’ottima capacità di isolamento, infatti il suo coefficiente di conducibilità termica, ovvero la capacità di un materiale di condurre calore, a parità di spessore, è un terzo di quello del laterizio ed un decimo di quello del calcestruzzo. Non venendosi quindi a creare dei ponti termici, che generano condense e dispersioni, le prestazioni energetiche ed il comfort abitativo dell’abitazione aumentano.
Gli interventi di isolamento termico in edilizia sono regolati da disposizioni della Comunità europea a cui i progettisti e gli applicatori devono attenersi.

La direttiva europee che regolarizza la prestazione energetica negli edifici e quindi l’isolamento termico: è la 2012/27/UE del Parlamento europeo e del consiglio del 25 ottobre 2012 sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.

La normativa nazionale che regolarizza la prestazione energetica negli edifici è il DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2016 , n. 141 . Disposizioni integrative al decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, di attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.
Le nostre coperture in legno lamellare
Tetto in legno lamellare l'Edile

Prestazioni energetiche delle coperture in legno lamellare

Essendo l’Italia uno stato il cui territorio ha una diversità di caratteristiche climatiche che varia in base alla latitudine, esiste anche una legge regionale che disciplina la prestazione energetica in edilizia.

Oltre la capacità isolante il tetto in legno lamellare offre:
- RISPARMIO ECONOMICO;
- ANTISISMICITA';
- RESISTENZA AL FUOCO;
- DUREVOLEZZA;
- SOLIDITA';
- DUTTILITA';
- TEMPI DI REALIZZAZIONE BREVI;
- ECOCOMPATIBILE.
Se volete saperne di più vi invitiamo a visitare il sito internet dell’azienda L’Edile, sono visibili sistemi statici e alcune realizzazioni di coperture in legno lamellare.

FONTI:
* https://www.isopan.it/magazine/nuove-norme-2017-sullinquinamento-acustico
* https://www.infobuild.it/approfondimenti/introduzione-alle-uni-en-iso-123542017-per-i-calcoli-previsionali-di-acustica-edilizia/
* https://www.anit.it/norme/norme-acustica/
* Gazzetta ufficiale dell’Unione europea